Informazioni Tecniche
Pulizia (Informazioni)

Lavaggio manuale e meccanico

Vetro e plastica da laboratorio possono essere pulite: manualmente per immersioni in un bagno, o in automatico in una macchina lavavetrerie. La vetreria dovrebbe essere pulita immediatamente dopo l’uso: a basse temperature, immersa per brevi tempi e a bassa alcalinità. Gli strumenti da laboratorio che sono venuti a contatto con sostanze infettive devono essere innanzitutto disinfettati, poi puliti e, se necessario,

sterilizzati in autoclave. Questa è il solo modo per prevenire l’inquinamento del suolo e di danneggiarlo da un attacco dei residui chimici.

Nota:
Prima della pulizia, è necessario disinfettare la vetreria utilizzata, quando c’è il rischio di infezione durante le operazioni di lavaggio.

_________________________________________________________________________________________________________

Pulizia delicata

Per non danneggiare la vetreria, essa dovrebbe essere pulita immediatamente dopo l’uso: a basse temperature, per brevi tempi d’immersione e bassa alcalinità. Specialmente per strumenti volumetrici di vetro prolungati tempi d’immersione in sostanze alcaline sopra 70 °C dovrebbero essere evitate. Questo trattamento potrebbe causare variazioni del volume causati dalla corrosione del vetro, e la cancellazione della graduazione.

Note tecniche

A 70 °C, una soluzione di sodio idrossido 1N potrebbe corrodere uno strato di circa 0,14 μm dalla superficie del vetro borosilicato 3,3 entro 1 ora. Invece a 100 °C, uno strato di 1,4 μm, quindi dieci volte superiore, sarà rimosso. Di conseguenza, dovrebbero essere evitate temperature di lavaggio superiori a 70 °C e utilizzati detergenti a bassa alcalinità.

_________________________________________________________________________________________________________

Per scuotimento e agitazione

Il lavaggio per scuotimento e agitazione con spugne e soluzioni detergenti è abbastanza noto. La vetreria non deve mai essere trattata con sostanze abrasive o pagliette che potrebbero danneggiarne la superficie. 

Per immersione

Con il metodo ad immersione, la vetreria è posta nella soluzione detergente per 20-30 minuti a temperatura ambiente, poi risciacquata con acqua del rubinetto, ed infine con acqua distillata. Solo per vetreria particolarmente sporca aumentare i tempi di immersione e la temperatura di contatto.

In bagni ad ultrasuoni

Le vetreria sia in vetro che in plastica può essere lavata in un bagno ad ultrasuoni. Si deve evitare comunque il diretto contatto con il suono acustico.

Lavavetrerie

Il lavaggio per mezzo di lavavetrerie è più delicato rispetto a quello per immersione. Gli articoli vengono a contatto, per periodi relativamente brevi, con il detergente che viene spruzzato dagli ugelli.

  • Gli oggetti leggeri devono essere opportunamente riposti nei cestelli per evitare danneggiamenti durante la fase di spruzzo degli ugelli.
  • La vetreria è maggiormente protetta da graffiature, se i cestelli metallici della lavavetreria sono rivestiti in plastica.

Vetreria da laboratorio

Nel caso di vetreria da laboratorio, si dovrebbero evitare: prolungati tempi di immersione in sostanze alcaline, e temperature superiori a 70 °C. Queste condizioni, in particolare con vetreria volumetrica, potrebbero potare a variazioni del volume, causati dalla corrosione del vetro e alla cancellazione della graduazione.

Plastica da laboratorio

Gli articoli di plastica hanno generalmente una superficie liscia, idrorepellente e possono essere facilmente puliti senza problemi, utilizzando detergenti a bassa alcalinità. I materiali in plastica stampati in polistirene, o policarbonato, in particolare provette per centrifuga, devono essere puliti manualmente con detergenti neutri. Un contatto prolungato, anche con detergenti a bassa alcalinità ne comprometterebbe la robustezza meccanica. La resistenza chimica della plastica dovrebbe essere in ogni caso verificata.

Lavaggio nelle analisi di tracce

Per ridurre al minimo le tracce di metalli gli strumenti da laboratorio vengono immersi in 1N-HCL oppure 1N HNO3 a temperatura ambiente per un massimo di 6 ore. (Gli strumenti da laboratorio in vetro vengono spesso bolliti in 1N HNO3 1 per 1 ora.)
Infine vengono sciacquati con acqua distillata. Per ridurre al minimo le contaminazioni organiche gli strumenti da laboratorio possono essere prima puliti con soluzioni alcaline o solventi, come ad es. alcool.